Berlusconi, Su Iva Decise Prodi Sinistra Senza Vergogna

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Berlusconi, Su Iva Decise Prodi Sinistra Senza Vergogna

Messaggio Da stefano24 il Dom Dic 07, 2008 11:16 pm

(AGI) - Tirana, 2 dic. - La decisione di allineare l'Iva sulle Tv a pagamento fu presa dal governo Prodi in accordo con la commissione europea. Lo sottolinea il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che attacca l'opposizione che ha sollevato il caso sul conflitto di interessi del premier. Alla domanda dei giornalisti che riportavano le parole del ministro dell'Economia da Bruxelles secondo cui l'aumento dell'Iva era gia' stato negoziato dal governo Prodi, Berlusconi ha risposto: "E allora? Era giusto venirmi addosso, era giusto fare questa vergognosa campagna contro Berlusconi e il conflitto di interessi? E' la dimostrazione che questa sinistra non ha alcun ritegno e non tiene vergogna: lo dico a tutti gli italiani - ha aggiunto - questa e' la sinistra con cui abbiamo a che fare, una sinistra che si deve vergognare di quello che ha fatto in questi ultimi due giorni". .

stefano24
Admin

Maschile
Numero di messaggi : 153
Età : 33
Località : roma
Data d'iscrizione : 23.10.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Berlusconi, Su Iva Decise Prodi Sinistra Senza Vergogna

Messaggio Da Ultimotemplareterra il Mar Dic 16, 2008 9:19 pm

Premetto che sono indipendente da tutte le ideologie.
Osservo i fatti da fuori, ma soprattutto non dando affidamento a notizie tendenziose e deviate da una televisione fatta per servire e non per informare.
Ci sarebbe molto da dire e da discutere, partendo da più punti, ma dovrò cercare di essere sintetico per esprimere la mia opinione.

Quando un politico o una qualsiasi persona responsabile lavora per ottenere risultati si impegna in prima persona perchè il lavoro venga fatto a dovere e rispettando le richieste dell'occupazione presa.
La responsabilità di un politico anche se appartenente ad un partito dovrebbe innanzitutto, data la necessarietà di trasparenza ed immagine, essere limpida in ogni componente di questo lavoro.
Inoltre non dovrebbe avere motivo di fare un lavoro male o non in linea con le richieste per rispettare altri parametri.
In poche parole non si potrebbe lavorare per una azienda e per l'altra soprattutto se sono in competizione.
In questo caso non si tratta di una azienda ma di uno stato.
Lo stato comprende tutte le aziende e tutti i sistemi per fare funzionare la società.
Lo stato non può per nessun motivo essere paragonato ad una azienda, cosa che i nostri "politici" fanno troppo spesso.
Primo perchè in una azienda c'e' una gerarchia ben precisa, non esiste una democrazia, secondo perchè l'azienda compete anche con i lavoratori che ci lavorano dentro allo scopo di ottenere più reddito, terzo in una azienda il debole ed il disadattato, la persona sfortunata e non produttiva non esiste.
Ed infatti l'attacco ai principali diritti e doveri arriva proprio da questi fantomatici "politici" improvvisati e meno, che vedono un disegno solo parziale della nazione.
Lo stato è diventato un nemico per la popolazione, che drena linfa vitale, legifera per mantenere il potere, costruisce inutili opere per lucrare sulle aziende degli imprenditori in parlamento.
Molte leggi sono violate da questo parlamento.
A partire dallo stato legislativo, allo stato di trasparenza nei conti bancari e nei redditi di molti politici.
Lo scagliarsi contro il nemico di turno è solo uno stratagemma per distogliere il vero problema.
Il conflitto di interessi ha raggiunto una oligarchia che ora stà letteralmente drenando il paese legiferando addirittura a proprio interesse, e bloccando anche lo stato di diritto ed i giudici che dovrebbero indagare.
La cosa è cosi evidente da sconcertare.
Non è dicendo cosa ha fatto di male il nemico che si sfugge ai propri errori.
Chiamiamoli cosi.
Una persona onesta non ha niente da nascondere e se mi indagassero ne sarei felice, cosi potrei dimostrare di essere limpido e sicuro di me.
Chi attacca il giudice solo perchè ha delle prove contro di lui e per di più blocca il suo processo abusando di potere dimostra la sua colpevolezza e basta!
E questo è tutto.
Una persona che parla ed AGISCE COSI' non ha più il diritto di replica ne di essere ascoltata fino a processo terminato e senza prescrizione!!!!!!!!!!!

Ultimotemplareterra

Maschile
Numero di messaggi : 42
Età : 45
Località : Lissone (Milano)
Occupazione/Hobby : Perito chimico / Ricercatore
Data d'iscrizione : 24.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Berlusconi, Su Iva Decise Prodi Sinistra Senza Vergogna

Messaggio Da Ultimotemplareterra il Mer Dic 17, 2008 10:09 pm

Quando si discute di queste cose ho notato la tendenza di molti nello sfuggire dalle proprie responsabilità.
Sento frasi come: "E' andata cosi da sempre, come puoi pretendere di fare qualcosa tu."
Oppure: " Se fai qualcosa o ne parli con le autorità ti fanno fuori. Sei matto?"
Quasi sempre: "Loro sono forti, cosa puoi fare tu?"
Per il più delle volte: "Io penso agli affari miei."

Questa fuga e questa mancanza di sentimento responsabile è la causa dell'inerzia delle persone "oneste".
Non si crede più in se stessi, e perfino quando si potrebbe fare qualcosa, si rimane immobili e bloccati come in un incantesimo.
E questo incantesimo è indotto dall'informazione che viene iniettata come veleno con frasi ed affermazioni che inducono a livello di inconscio alla rabbia ed alla depressione.
Sono vere e proprie strategie per deprimere ogni senso di volontà e bloccare la reazione.
Quando si ha un problema da dentro parte la forza per reagire e risolverlo.
Ma quando i problemi sono tanti e da tutti i lati, quando le immagini, le offese all'intelligenza, il fallimento delle istituzioni che dovrebbero risolverle viene decantato come una vittoria della libertà di rubare e commettere ogni atto impunito.
Ovviamente ci si sente impotenti e ci si adatta allo stato delle cose.
Tutto dipende da ogni singolo atto di volontà in ogni persona.

Ultimotemplareterra

Maschile
Numero di messaggi : 42
Età : 45
Località : Lissone (Milano)
Occupazione/Hobby : Perito chimico / Ricercatore
Data d'iscrizione : 24.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Berlusconi, Su Iva Decise Prodi Sinistra Senza Vergogna

Messaggio Da stefano24 il Gio Dic 18, 2008 12:13 am

Quello che dici è giusto e credo che anche in molti la pensano così in proposito di far scivolare la responsabilità, ma in effetti chi da solo si potrebbe mettere contro, o meglio a cosa servirebbe?
Ci potrebbe essere soltanto un cambiamento radicale in ognuno di noi e magari sperare che in molti seguiranno il tuo cammino, ma credo che alla fine sarebbe la stessa cosa, nel senso: In parecchi credono negli ideali berlusconiani e in parecchi lo seguono, in parecchi possono credere agli stessi ideali che ho io e seguire me, non è la stessa cosa? Chi stabilisce che i miei ideali sono buoni e altri no? I "rivali" direbbero la stessa cosa.
Non si dovrebbe quindi seguire qualcuno perchè c'è comunque la messa in discussione degli ideali; dunque ritorniamo sempre al fatto che però io da solo non combinerei nulla.
Credo che per questo le persone si rassegnino al fatto che il mondo debba andare così, che sia io, Berluscononi o qualcun altro al potere, in questo modo non ci sarebbe mai la libertà, allo stesso tempo però ci deve essere qualcuno per forza a governare altrimenti non ci sarebbe neanche una società.

stefano24
Admin

Maschile
Numero di messaggi : 153
Età : 33
Località : roma
Data d'iscrizione : 23.10.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Berlusconi, Su Iva Decise Prodi Sinistra Senza Vergogna

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum